Mulino planetario a sfere PM 400

StampaEmail
Mulini a dischi
Descrizione

 

I mulini planetari vengono utilizzati ogni qual volta sia richiesto un elevato grado di finezza. A parte la classica macinazione e miscelazione, i mulini a sfere soddisfano anche tutti i requisiti tecnici per la macinazione colloidale ed hanno l'energia necessaria per l'alligazione metallica. Le elevatissime forze centrifughe dei mulini planetari a sfere  consentono di ottenere un'alta polverizzazione in tempi brevi

Il mulino PM400 è uno strumento da pavimento con quattro stazioni di macinazione.

 

Esempi applicativi

clinker cemento, argilla, bentonite, calcestruzzo, campioni di rifiuti, capelli, carbone, carbone fossile, carbonella, carta, catalizzatori, cellulosa, ceramica, compost, fanghi di rifiuto, fango, fibre, fibre di carbone, idrossiapatite, kaolino, lacche e vernici, leghe, legno, materiali vegetali, minerale, minerale ferroso, minerali, minerali argillosi, ossa, ossidi metallici, pietra da gesso, pigmenti, polimeri, prodotti chimici, quarzo, schede elettroniche, sementi, semi-precious stones, tabacco, terreno, tessuto, vetro, ...

 

Vantaggi prodotto

  • Potente, veloce macinazione fino al submicron
  • risultati riproducibili grazie al controllo energetico e della velocità
  • Adatto per macinazioni di lunga durata
  • 2 diverse modalità di macinazione ( a secco e ad umido)
  • Sistema di misurazione pressione e temperatura opzionale PM GrindControl
  • Vasta gamma di materiali per macinazione senza contaminazione 
  • slider di sicurezza per un sicuro funzionamento
  • Impostazione dei parametri mediante pulsante ergonomico e visualizzazione su display
  • ventilazione automatica della camera di macinazione
  • 10 Programmi memorizzabili
  • accensione programmabile
  • Un sistema di backup permette la conservazione dei dati
  • Giare con O-ring di tenuta in grado di garantire il lavoro in sicurezza

 

Caratteristiche

Applicazioni  polverizzazione, omogeneizzazione, miscelazione, macinazione colloidale, leghe metalliche

Campo di applicazione Agricoltura, biologia, chimica, materiali da costruzione, engineering / elettronica, ambientale / riciclo, geologia / metallurgia, vetro / ceramica, medicina / farmaceutica

Materiale in ingresso morbido, duro, fragile, fibroso - asciutto o bagnato

Principio di macinazione impatto, frizione

Pezzatura materiale in ingresso < 10 mm

Finezza finale* < 1 micron; in caso di macinazione colloidale < 0.1 micron

Dimensione lotto/ Quantità in ingresso*: max. 4 x 220 ml, max. 8 x 20ml con giare di macinazione

Numero stazioni di macinazione 4 / 2

Rapporto velocità 1:-2 / 1:-2.5 / 1:-3

Velocità ruota rotante 30 - 400 min-1

Diametro effettivo della ruota rotante 300 mm

G-force 26.8 g

Tipologie giare di macinazione "Comfort", coperchio opzionale di aerazione, dispositivo di bloccaggio di sicurezza

Materiale degli accessori di macinazione acciaio temprato, acciaio inox, carburo di tungsteno, agata, ossido di allumina sinterizzato, nitruro di silicio, ossido di zirconio

Dimensione delle giare di macinazione 12 ml / 25 ml / 50 ml / 80 ml / 125 ml / 250 ml / 500 ml

Regolazione del tempo di macinazione digitale, da 00:00:01 a 99:59:59

Intervalli di rotazione si, con direzione reversibile

Tempo di intervallo 00:00:01 a 99:59:59

Tempo di pausa 00:00:01 a 99:59:59

Programmi memorizzabili 10

MIsurazione dell'energia in ingresso si

Interfaccia RS 232 / RS 485

Guida motore trifase asincrono con convertitore di frequenza

Unità di potenza 1.5 kW

Dati alimentazione elettrica diverse tensioni elettriche

Potenza connessione Monofase

Codice di protezione IP 30

Consumo energetico ~ 2100 W (VA)

W x H x D 836 x 1220 (1900) x 780 mm

Peso netto ~ 290 kg

Standard CE

Brevetto SafetySlider (DE 202008008473)

*in funzione del materiale e della configurazione strumentale

 

Principio di funzionamento

Nel PM 400 le giare di macinazione ruotano lungo la loro ascissa e, nella direzione opposta, attorno all’asse principale della ruota del mulino.

L’imposizione della forza centrifuga produce il movimento delle sfere di macinazione con un alta energia di polverizzazione. La forza centrifuga agente sulle pareti della giara di macinazione trasporta le sfere nella stessa direzione di rotazione della giara. Vi sono delle differenze di velocità tra le giare e le sfere, e questo provoca una forte frizione agente sul campione.

All’aumentare del movimento rotazionale, le forze di Coriolis agiscono sulle sfere sparpagliandole sulle pareti della giara. Le sfere si spostano all’interno della giara attraversandola e impattando contro il campione e le pareti. Questo rilascia una notevole quantità di energia; la combinazione delle forze di frizione e di impatto  è causa dell’elevato grado di riduzione del mulino planetario.

Soggetto a modifiche tecniche ed errori

 

 

0
0
0
s2sdefault